PEDALANDO CON IL VENTO IN POPPA

Pubblicato: maggio 12, 2014 in Uncategorized
Tag:, , , , ,

di Carlotta Givo
da Digitasaluzzo.eu

Tutto comincia nel 2012, all’interno del Politecnico di Milano dove l’Ingegner Paolo Pileri e il suo team immaginano una nuova struttura per il cicloturismo mai vista o sviluppata prima in Italia: una dorsale cicloturistica che si dispiega lungo il fiume Po per 630 km.
Si chiamerà VenTo, dal nome delle due città ai margini della ciclovia, Venezia e Torino, e stando ai precisissimi calcoli dell’Ing. Pileri e del suo team, potrebbe generare, se realizzata a rigore, circa 2000 nuovi posto di lavoro.
Non è la prima volta che in questo spazio ci soffermiamo a parlare delle revenue che l’Italia potrebbe originare investendo sul turismo e aprendosi alle nuove forme di turismo ecosostenibili, e non sarà l’ultima, perché è un argomento che ci sta a cuore e sul quale la Città di Saluzzo, entrata ufficialmente nel progetto VenTo, sta investendo molto.
VenTo, oltre a raccogliere (non senza oneri), l’attenzione del delle Amministrazioni Pubbliche, conquista anche i privati cittadini, molti dei quali decidono di impegnarsi in prima persona nella promozione del progetto.

È il caso di Stefano Scarafia, Pino Pace e Paolo Casalis, i tre cineasti piemontesi autori di VenTo il film: il documentario girato in occasione del viaggio di otto giorni in quindici tappe organizzato e vissuto dall’Ing. Pileri e dal suo team.

Immagine

In previsione della proiezione del documentario all’Antico Palazzo Comunale di Saluzzo , fissata martedì 13 maggio 2014 alle 20:30, abbiamo raggiunto i tre autori per farci raccontare qualcosa in più dell’esperienza, ma soprattutto per conoscerli meglio.
Legati da un’amicizia di lunga data, gli architetti di formazione e registi di professione Stefano Scarafia (che pure coltiva parallelamente l’attività di architetto lavorando per uno studio associato) e Paolo Casalis, incontrano per caso (pare la sinossi di una commedia) lo scrittore di libri per ragazzi Pino Pace: ed è subito collaborazione.
«Un giorno Pino, che ho conosciuto durante un workshop sul cinema documentario nel quale eravamo entrambi partecipanti – racconta Stefano – incomincia a farneticare di una certa zanna d’elefante in gesso che avremmo dovuto farci costruire, e pagare naturalmente, per partecipare a un concorso cinematografico di creazione. Si trattava del Piemonte Documenteur Filmfest: un festival assolutamente fuori dagli schemi tutto improntato sul falso documentario, che si svolge ogni anno in sei valli montane del Piemonte. Ubriacati dal suo entusiasmo e dalla sua ars oratoria, ci siamo lasciati trascinare, più che volentieri in verità, nell’avventura, e sotto il nome collettivo di Surus abbiamo girato un mockumentary, cioè una balla clamorosa ma raccontata come se fosse un documentario “vero” (qualsiasi cosa significhi la parola vero). Il film di 10 minuti si intitolava Il passo dell’elefante e raccontava lo scompiglio creato in un paese di montagna dal ritrovamento di una zanna appartenuta a uno degli elefanti del condottiero Annibale. Il nostro Elefante ha vinto il primo premio e da allora, pur seguendo separatamente altri nostri progetti, abbiamo cominciato a lavorare insieme»

«Abbiamo caratteri diversi, – interviene Pino – ogni tanto c’è qualche frizione, ma gli autori sono quasi sempre predatori solitari e metterne d’accordo tre è un piccolo miracolo. Alla fine, però, continuiamo a buttarci in progetti collettivi perché ci pare ci sia una complementarietà di sguardi che arricchisce i prodotti e mette d’accordo sempre i tre diversi punti di vista»

 «In caso di controversie, – lo interrompe Paolo, il più impetuoso del gruppo – l’ultima parola spetta a Pino: è il più vecchio e dunque il più saggio e preparato…»

Si scambiano uno sguardo pieno di ironia, Pino manda delicatamente a quel paese Paolo e noi ci sentiamo spettatori muti di una sit-com naturale che chiunque seguirebbe divertendosi un sacco.

Durante la chiacchierata, che prosegue tra battute, frecciatine e occhiate complici, scopriamo che Paolo è un ciclista indomito, di quelli che macinano tanti chilometri e non temono le salite (anzi, se le va pure a cercare!); Pino è un ciclista urbano, un pedalatore tranquillo e assiduo; mentre Stefano, che lavora tra Torino e Bra, ha poche occasioni per saltare in sella e così, suo malgrado, lo etichettiamo come ‘il ciclista del dì di festa’.

Da buon ‘ciclista del dì di festa’, Stefano non ricorda come fosse la prima bicicletta che ha posseduto. Pino, ci racconta invece una ‘straziante’ storia di traumi infantili: mentre i compagni di gioco possedevano potentissime biciclette da cross, lui se ne andava a zonzo su una modesta Graziella, già poco virile e aggressiva fin dal nome.

«Li ho invidiati molto, lo ammetto. Poi però, oggi, quegli stessi compagni sono passati ai SUV mentre io sono legatissimo alla mia tranquilla bici da strada, una pieghevole. Non tutti i traumi vengono per nuocere»

Paolo l’ardimentoso, ci racconta invece del suo ‘scassone’ con le rotelle che decise, un giorno, di togliere all’improvviso. Ovviamente non lo fece per sperimentare un primo innocuo giretto sull’asfalto, troppo noioso! Pensò bene, piuttosto, di lanciarsi giù da una ripida con tanto di ghiaia. La sorella, sedotta dall’impresa, lo seguì a ruota: lei cadde e si sbucciò le ginocchia, lui rimase ovviamente in piedi e intatto.

«Credo di aver deciso in quel momento di preferire le due alle quattro ruote. La mia bici attuale è una Pinarello da corsa, tutta nera, con tanto di scritta “fatta in italia”. Niente di clamoroso, ma io ne vado molto fiero!»

Come sono incappati su VenTo l’ardimentoso, l’urbano assiduo e il ciclista del dì di festa?

Naturalmente grazie a quel lettore vorace e onnivoro di Pino Pace che, letto un articolo su un giornale a pochi giorni dalla partenza della spedizione del gruppo dell’Ing. Pileri, ha incominciato a organizzare, da buon preparatore atletico di idee, il team. Un team di capitani (se non coraggiosi, quantomeno allenati) senza gregari, come ci tengono a sottolineare.

«Con così poco preavviso è difficile parlare di vera organizzazione. Abbiamo avuto giusto il tempo di infilare nei borsoni un paio di cambi di biancheria, una maglia pesante, una cerata e di armarci di due PC e due telecamere; – a parlare è Stefano – non conoscevamo i partecipanti, né i luoghi che avremmo attraversato. Avevamo un’idea molto vaga di cosa sarebbe successo, per questo dovevamo capire cosa riprendere e cosa no, momento per momento»

« Il viaggio è durato 9 giorni, – dice Pino – durante i quali abbiamo percorso quasi 700 chilometri. Ci piacerebbe raccontarvi che ce li siam fatti tutti in bicicletta, ma sarebbe un mockumentary, magari il prossimo che gireremo. In verità, siamo partiti con una station wagon su cui abbiamo caricato tutta l’attrezzatura per le riprese, i bagagli e i crackers sbriciolati senza cui Paolo non va da nessuna parte. Dietro alla macchina abbiamo appeso la bicicletta di Paolo, una vecchia mountain bike (roba di 20 anni fa) che ha usato per fare alcune delle riprese più belle del film»

«Viaggiando su quattro ruote, – si inserisce nuovamente Stefano – cercavamo di anticiparli, oppure di affiancarli con l’auto: e non sempre la cosa è stata facile. La spedizione del Poli non aveva un appoggio logistico, per cui abbiamo spesso trasportato noi il materiale, e a volte anche le persone, come si vede nel film. L’auto l’abbiamo abbandonata del tutto solo a Chioggia e tutti e tre abbiamo pedalato insieme alla spedizione di VenTo sull’isola di Pellestrina, tra l’Adriatico e la Laguna di Venezia. Bei posti»

Quando chiediamo loro se vi siano stati momenti di sconforto, ci rispondono così:

«Abbiamo fatto un viaggio sotto adrenalina quindi parlare di scoraggiamento è difficile. Soltanto il primo giorno, tra Torino e le pianure del riso, il gruppo del Politecnico scompariva dalla nostra vista per delle ore. Se va avanti così portiamo a casa due ore misere di girato, ci siamo detti. Poi invece le strade sono diventate più semplici, oltre che più larghe, e le cose sono migliorate»

«La parte migliore dell’esperienza, – racconta Pino – sono le scoperte che abbiamo fatto, a partire dal gruppo del Politecnico di Milano: personalità molto diverse a cui si aggiungevano spesso comitive di ciclisti che ci accompagnavano per brevi tratti. Arrangiarsi, trovare il tempo per mangiare, una branda su cui gettarsi a notte fonda (dopo aver trattato all’ultimo euro con gli osti, visto che la produzione era squattrinata), gli incontri inaspettati… E i paesaggi, che avevamo sempre percorso a velocità elevate su autostrade e ferrovie, visti da vicino e in modalità lenta, diventano tutta un’altra cosa. Sono posti molto belli, un po’ abbandonati, a tratti malinconici: andrebbero riscoperti!»

Con 9 giorni di viaggio, 700 chilometri percorsi, 30 ore di girato su diversi supporti che vanno dalla telecamera professionale al cellulare, VenTo, una produzione interamente indipendente della Stuffilm di Bra e della Bodà di Torino, è diventato un road-movie a tratti serissimo, a tratti scanzonato.

«Non c’è Licia Colò, – dice Paolo – ma siamo ben in tre a sostituirla!»

Il film (che è anche un e-book edito da Zandegù), sta uscendo in diverse sale cinematografiche, soprattutto lungo il corso del Po da Torino a Venezia, ma non solo, e sta avendo un grande successo di pubblico, tanto che gli autori sono ora alla ricerca di un distributore televisivo.

Tuttavia, come un vero Giro d’Italia fatto di tappe, gli autori ci confidano che questa è stata soltanto la prima.

«Il gruppo del Politecnico si appresta a ripartire, sullo stesso tragitto e abbiamo intenzione di prenderla un po’ più alla larga: partire con loro per poi andare a scoprire e raccontare tutte quelle realtà che abbiamo solo sfiorato seguendoli. Ci sono cose molto particolari: uomini e donne che si dedicano a attività molto interessanti, paesaggi poco visti, deliziose cose da mangiare e da bere, personaggi bizzarri. Questa volta, però, basta partenze alla garibaldina: molto eccitanti, ma si rischia anche di rimanere feriti»

Prima di congedarli, chiediamo se c’è una domanda che nessuno, nelle interviste, rivolge mai loro.

Pino, non ha dubbi, la domanda che manca sempre è:

«Avete bisogno di soldi?» 

Dal fianco si leva immediatamente la voce di Paolo:

«Sì»

Vi consigliamo di seguire le imprese di questi tre unici registi attraverso i link legati al progetto (il sito del film, Facebook e Twitter) e di condividere con i vostri amici e conoscenti la loro storia, invitando tutti a vedere il documentario martedì 13 maggio 2014 alle 20:30 presso l’Antico Palazzo Comunale di Saluzzo.

I posti sono tanti, l’ingresso è gratuito e noi ci aspettiamo il pienone!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...