Posts contrassegnato dai tag ‘italia’

LaStampa_20150524_Pagina_1 LaStampa_20150524_Pagina_2

a cura di Claudia Cicciotti per Adinews.eu

Immagine
VENTO è una parola di cinque lettere, lunga 630 chilometri, quelli che congiungono VEN-ezia con TO-rino. Cinque lettere sono anche quelle che compongono un SOGNO e sono solo sei, una lettera in più, quelle che potrebbero trasformarlo in pura e semplice REALTÀ.

Un anno fa partiva il primo bici tour di una squadra del Politecnico di Milano, che ha progettato una ciclabile lungo il corso del fiume Po, da Torino a Venezia. Cinque ricercatori, capeggiati da Paolo Pileri, ingegnere esperto di pianificazione territoriale, si sono messi in viaggio su due ruote e hanno percorso il tragitto del loro progetto per dimostrarne la fattibilità. Oggi la dorsale ciclistica non esiste e il tour dei cinque si è spesso rivelato avventuroso e poco agevole, ma con un investimento di appena 80 milioni di euro – quelli che coprirebbero le spese di soli 2 chilometri di autostrada – si potrebbe costruire la ciclabile più lunga di Italia ed una delle più lunghe d’Europa.

Paolo Casalis, Pino Pace e Stefano Scarafia si sono messi in sella con i progettisti e hanno ripreso le 15 tappe in 8 giorni, testimoniando come la realizzazione di quello che ad oggi resta solamente un disegno può trasformarsi in un valore sotto più punti di vista: significherebbe innanzitutto migliaia di nuovi posti di lavoro, difesa delle ricchezze ambientali e sviluppo dell’economia verde, ma anche valorizzazione turistica e culturale di un territorio troppo ignorato sotto questo aspetto.

Il viaggio dalle Alpi sino all’Adriatico attraversa più di 30 città e 4 regioni, in cui la bellezza dei paesaggi naturalistici della Pianura Padana collega una meta d’arte all’altra: Piacenza, Cremona, Ferrara solo per dirne alcune. Il film accompagna ogni tappa, dalla strada ai musei, dai cittadini che scoprono il progetto ai pochi, pochissimi, coraggiosi cicloturisti sulla via e tra una pedalata e un’altra scorrono le immagini in bianco e nero di una natura più viva, e soprattutto vissuta, tanti anni fa.

 Dal 6 al 15 giugno di quest’anno, la squadra del Politecnico di Milano è tornata sui pedali per raccontare ancora una volta, in un secondo bici tour, il progetto VENTO. Il road movie, che ne è la più forte voce a favore, è proiettato nelle varie città toccate dal percorso e, per tutti coloro che volessero vederlo, anche non ciclisti e non padani, è visibile sul sito ufficiale: https://filmvento.wordpress.com

Se il progetto un giorno andasse in porto, si potrebbe scoprire il piacere e l’importanza del cicloturismo, sull’esempio di tanti altri paesi europei in cui la bicicletta già conduce alla scoperta di scenari e sensazioni altrimenti inesplorabili. Con le infrastrutture adeguate, si farebbe bene all’Italia, ai cittadini, all’ambiente, alle imprese: la natura e l’arte sono già al loro posto, pronte ad essere scoperte; sta a noi mobilitarci per scoprirle nel miglior modo possibile, sta a noi viaggiare perché, come dice una simpatica signora una volta arrivati al mare, “viaggiare è sempre bello”.

Appuntamento con il film alle ore 20:30 presso Palazzo Paleologo, Piazza Garibaldi.
Nella stessa giornata il Vento Bici Tour 2014 farà tappa a Trino Vercellese: vi invitiamo a tirare fuori la bicicletta per accogliere e accompagnare la carovana di VenTO, e poi a venire a gustarvi il film!

Immagine

progetto vento

TORINO – Il prossimo 7 giugno parte da Moncalieri ilVENTO bici tour 2014,la pedalata dimostrativa da Moncalieri sino a Venezia lungo il corso del Po, già effettuata nel 2013 dal Politecnico di Milano con lo scopo di promuovere il Progetto VENTO, la ciclovia VENezia – TOrino. “La grossa novità di quest’anno”, dice il consigliere Roberto Guardini , promotore e referente territoriale verso il progetto VENTO, “ è l’aver spostato la partenza del tour da Torino a Moncalieri, dove abbiamo anche inserito una tappa di Prologo e di festa, il VENTO day. Questa decisione, che abbiamo assunto in una recente riunione con il Politecnico e le principali città coinvolte, da Torino a Venezia, premia l’efficace attività di promozione al progetto svolta da Moncalieri, Capofila dell’area sud ovest che nel gennaio scorso ha portato 40 comuni alla sottoscrizione del Protocollo di Intesa VENTO costituendo un importante gruppo di coordinamento territoriale. Il prologo del tour sarà movimentato dalla partecipazione di gruppi di bikers provenienti dai comuni dell’Unione Montana dell’area Monviso e da varie città del territorio per lanciare una staffetta simbolica dalle sorgenti del Po sino a Venezia , facendo fulcro a Moncalieri , ormai da tutti riconosciuta come città cardine della futura dorsale ciclabile”.

Il VENTO day si terrà venerdi 6 giugno al Giardino delle Rose e coinciderà con l’apertura della stagione Moncalieri Estate 2014, gestita dalla Proloco cittadina. Per l’occasione sarà esposta la mostra itinerante “VENTO si racconta”, a cura del Politecnico di Milano. Vi sarà anche un momento istituzionale con la presenza dei sindaci, la conferenza stampa alle 17,30, la firma del Protocollo di IntesaVENTO da parte dei comuni dell’area del Monviso. La festa vera e propria inizierà alle 19 con cena , intrattenimenti musicali e danze dei Gruppi Arabesque e Treedanza sino alle 24.
La partenza del tour per Venezia avverrà la mattina seguente, sabato 7 giugno alle 9,15, sempre dal Giardino delle Rose, preceduta dai saluti del Sindaco.
Gli eventi delle due giornate vedranno la partecipazione dei gruppi ciclistici di : Paesana e comuni del Monviso,Saluzzo, Santena, Savigliano,Villafranca Piemonte (Associazione Amici del Po),S.C. Piossasco A.S.D.,FIAB Torino,Gruppo Polesani Fameja di Nichelino, sindaci, assessori, consiglieri e cittadini che vestiranno per l’occasione i panni di ciclisti pedalando al seguito di VENTO sino a Torino”

 da Ilmattinoditorino.it

Scriviamo a un anno esatto dall’inizio del primo Vento Bici Tour, e quindi dalle prime riprese del film “Vento. L’Italia in bicicletta lungo il fiume Po“.
Un anno fa a quest’ora, se la memoria non ci inganna, eravamo a Venaria (TO) per l’anteprima (prologo, in termini ciclistici) del tour del Politecnico, e il giorno dopo saremmo partiti insieme alla spedizione del Politecnico di MIlano da un affollatissimo bike pride organizzato a Torino, nel Parco del Valentino.
E’ tempo di tracciare un primo bilancio, fortunatamente molto positivo: il film, uscito ormai da circa 3 mesi, ha riscosso un notevole interesse degli appassionati e di un pubblico generalista molto ampio (sì, perchè per fare 10 km di cicloturismo non è necessario avere i muscoli di Eddy Merckx!).
In queste settimane abbiamo girato l’Italia per promuovere e fare vedere il documentario: Ferrara, Piacenza, Taglio di Po, Alessandria, Milano, Torino, Padova, Saluzzo, Carmagnola… sono solo alcune tra le città in cui abbiamo presentato o presenteremo il film.
Per festeggiare l’anniversario di Vento e l’ormai prossima festa del 2 giugno, vi regaliamo un breve estratto dal film (clicca sull’immagine per vederlo)

Immagine

Vuoi vedere per intero “Vento. L’Italia in bicicletta lungo il fiume Po”? Visita questa pagina e scopri come ricevere il dvd o guardare il film in streaming.

Vuoi organizzare anche tu una proiezione del film nella tua città/circolo/associazione sportiva?
Contattaci alla mail film.vento@gmail.com

di Carlotta Givo
da Digitasaluzzo.eu

Tutto comincia nel 2012, all’interno del Politecnico di Milano dove l’Ingegner Paolo Pileri e il suo team immaginano una nuova struttura per il cicloturismo mai vista o sviluppata prima in Italia: una dorsale cicloturistica che si dispiega lungo il fiume Po per 630 km.
Si chiamerà VenTo, dal nome delle due città ai margini della ciclovia, Venezia e Torino, e stando ai precisissimi calcoli dell’Ing. Pileri e del suo team, potrebbe generare, se realizzata a rigore, circa 2000 nuovi posto di lavoro.
Non è la prima volta che in questo spazio ci soffermiamo a parlare delle revenue che l’Italia potrebbe originare investendo sul turismo e aprendosi alle nuove forme di turismo ecosostenibili, e non sarà l’ultima, perché è un argomento che ci sta a cuore e sul quale la Città di Saluzzo, entrata ufficialmente nel progetto VenTo, sta investendo molto.
VenTo, oltre a raccogliere (non senza oneri), l’attenzione del delle Amministrazioni Pubbliche, conquista anche i privati cittadini, molti dei quali decidono di impegnarsi in prima persona nella promozione del progetto.

È il caso di Stefano Scarafia, Pino Pace e Paolo Casalis, i tre cineasti piemontesi autori di VenTo il film: il documentario girato in occasione del viaggio di otto giorni in quindici tappe organizzato e vissuto dall’Ing. Pileri e dal suo team.

Immagine

In previsione della proiezione del documentario all’Antico Palazzo Comunale di Saluzzo , fissata martedì 13 maggio 2014 alle 20:30, abbiamo raggiunto i tre autori per farci raccontare qualcosa in più dell’esperienza, ma soprattutto per conoscerli meglio.
Legati da un’amicizia di lunga data, gli architetti di formazione e registi di professione Stefano Scarafia (che pure coltiva parallelamente l’attività di architetto lavorando per uno studio associato) e Paolo Casalis, incontrano per caso (pare la sinossi di una commedia) lo scrittore di libri per ragazzi Pino Pace: ed è subito collaborazione.
«Un giorno Pino, che ho conosciuto durante un workshop sul cinema documentario nel quale eravamo entrambi partecipanti – racconta Stefano – incomincia a farneticare di una certa zanna d’elefante in gesso che avremmo dovuto farci costruire, e pagare naturalmente, per partecipare a un concorso cinematografico di creazione. Si trattava del Piemonte Documenteur Filmfest: un festival assolutamente fuori dagli schemi tutto improntato sul falso documentario, che si svolge ogni anno in sei valli montane del Piemonte. Ubriacati dal suo entusiasmo e dalla sua ars oratoria, ci siamo lasciati trascinare, più che volentieri in verità, nell’avventura, e sotto il nome collettivo di Surus abbiamo girato un mockumentary, cioè una balla clamorosa ma raccontata come se fosse un documentario “vero” (qualsiasi cosa significhi la parola vero). Il film di 10 minuti si intitolava Il passo dell’elefante e raccontava lo scompiglio creato in un paese di montagna dal ritrovamento di una zanna appartenuta a uno degli elefanti del condottiero Annibale. Il nostro Elefante ha vinto il primo premio e da allora, pur seguendo separatamente altri nostri progetti, abbiamo cominciato a lavorare insieme»

«Abbiamo caratteri diversi, – interviene Pino – ogni tanto c’è qualche frizione, ma gli autori sono quasi sempre predatori solitari e metterne d’accordo tre è un piccolo miracolo. Alla fine, però, continuiamo a buttarci in progetti collettivi perché ci pare ci sia una complementarietà di sguardi che arricchisce i prodotti e mette d’accordo sempre i tre diversi punti di vista»

 «In caso di controversie, – lo interrompe Paolo, il più impetuoso del gruppo – l’ultima parola spetta a Pino: è il più vecchio e dunque il più saggio e preparato…»

Si scambiano uno sguardo pieno di ironia, Pino manda delicatamente a quel paese Paolo e noi ci sentiamo spettatori muti di una sit-com naturale che chiunque seguirebbe divertendosi un sacco.

Durante la chiacchierata, che prosegue tra battute, frecciatine e occhiate complici, scopriamo che Paolo è un ciclista indomito, di quelli che macinano tanti chilometri e non temono le salite (anzi, se le va pure a cercare!); Pino è un ciclista urbano, un pedalatore tranquillo e assiduo; mentre Stefano, che lavora tra Torino e Bra, ha poche occasioni per saltare in sella e così, suo malgrado, lo etichettiamo come ‘il ciclista del dì di festa’.

Da buon ‘ciclista del dì di festa’, Stefano non ricorda come fosse la prima bicicletta che ha posseduto. Pino, ci racconta invece una ‘straziante’ storia di traumi infantili: mentre i compagni di gioco possedevano potentissime biciclette da cross, lui se ne andava a zonzo su una modesta Graziella, già poco virile e aggressiva fin dal nome.

«Li ho invidiati molto, lo ammetto. Poi però, oggi, quegli stessi compagni sono passati ai SUV mentre io sono legatissimo alla mia tranquilla bici da strada, una pieghevole. Non tutti i traumi vengono per nuocere»

Paolo l’ardimentoso, ci racconta invece del suo ‘scassone’ con le rotelle che decise, un giorno, di togliere all’improvviso. Ovviamente non lo fece per sperimentare un primo innocuo giretto sull’asfalto, troppo noioso! Pensò bene, piuttosto, di lanciarsi giù da una ripida con tanto di ghiaia. La sorella, sedotta dall’impresa, lo seguì a ruota: lei cadde e si sbucciò le ginocchia, lui rimase ovviamente in piedi e intatto.

«Credo di aver deciso in quel momento di preferire le due alle quattro ruote. La mia bici attuale è una Pinarello da corsa, tutta nera, con tanto di scritta “fatta in italia”. Niente di clamoroso, ma io ne vado molto fiero!»

Come sono incappati su VenTo l’ardimentoso, l’urbano assiduo e il ciclista del dì di festa?

Naturalmente grazie a quel lettore vorace e onnivoro di Pino Pace che, letto un articolo su un giornale a pochi giorni dalla partenza della spedizione del gruppo dell’Ing. Pileri, ha incominciato a organizzare, da buon preparatore atletico di idee, il team. Un team di capitani (se non coraggiosi, quantomeno allenati) senza gregari, come ci tengono a sottolineare.

«Con così poco preavviso è difficile parlare di vera organizzazione. Abbiamo avuto giusto il tempo di infilare nei borsoni un paio di cambi di biancheria, una maglia pesante, una cerata e di armarci di due PC e due telecamere; – a parlare è Stefano – non conoscevamo i partecipanti, né i luoghi che avremmo attraversato. Avevamo un’idea molto vaga di cosa sarebbe successo, per questo dovevamo capire cosa riprendere e cosa no, momento per momento»

« Il viaggio è durato 9 giorni, – dice Pino – durante i quali abbiamo percorso quasi 700 chilometri. Ci piacerebbe raccontarvi che ce li siam fatti tutti in bicicletta, ma sarebbe un mockumentary, magari il prossimo che gireremo. In verità, siamo partiti con una station wagon su cui abbiamo caricato tutta l’attrezzatura per le riprese, i bagagli e i crackers sbriciolati senza cui Paolo non va da nessuna parte. Dietro alla macchina abbiamo appeso la bicicletta di Paolo, una vecchia mountain bike (roba di 20 anni fa) che ha usato per fare alcune delle riprese più belle del film»

«Viaggiando su quattro ruote, – si inserisce nuovamente Stefano – cercavamo di anticiparli, oppure di affiancarli con l’auto: e non sempre la cosa è stata facile. La spedizione del Poli non aveva un appoggio logistico, per cui abbiamo spesso trasportato noi il materiale, e a volte anche le persone, come si vede nel film. L’auto l’abbiamo abbandonata del tutto solo a Chioggia e tutti e tre abbiamo pedalato insieme alla spedizione di VenTo sull’isola di Pellestrina, tra l’Adriatico e la Laguna di Venezia. Bei posti»

Quando chiediamo loro se vi siano stati momenti di sconforto, ci rispondono così:

«Abbiamo fatto un viaggio sotto adrenalina quindi parlare di scoraggiamento è difficile. Soltanto il primo giorno, tra Torino e le pianure del riso, il gruppo del Politecnico scompariva dalla nostra vista per delle ore. Se va avanti così portiamo a casa due ore misere di girato, ci siamo detti. Poi invece le strade sono diventate più semplici, oltre che più larghe, e le cose sono migliorate»

«La parte migliore dell’esperienza, – racconta Pino – sono le scoperte che abbiamo fatto, a partire dal gruppo del Politecnico di Milano: personalità molto diverse a cui si aggiungevano spesso comitive di ciclisti che ci accompagnavano per brevi tratti. Arrangiarsi, trovare il tempo per mangiare, una branda su cui gettarsi a notte fonda (dopo aver trattato all’ultimo euro con gli osti, visto che la produzione era squattrinata), gli incontri inaspettati… E i paesaggi, che avevamo sempre percorso a velocità elevate su autostrade e ferrovie, visti da vicino e in modalità lenta, diventano tutta un’altra cosa. Sono posti molto belli, un po’ abbandonati, a tratti malinconici: andrebbero riscoperti!»

Con 9 giorni di viaggio, 700 chilometri percorsi, 30 ore di girato su diversi supporti che vanno dalla telecamera professionale al cellulare, VenTo, una produzione interamente indipendente della Stuffilm di Bra e della Bodà di Torino, è diventato un road-movie a tratti serissimo, a tratti scanzonato.

«Non c’è Licia Colò, – dice Paolo – ma siamo ben in tre a sostituirla!»

Il film (che è anche un e-book edito da Zandegù), sta uscendo in diverse sale cinematografiche, soprattutto lungo il corso del Po da Torino a Venezia, ma non solo, e sta avendo un grande successo di pubblico, tanto che gli autori sono ora alla ricerca di un distributore televisivo.

Tuttavia, come un vero Giro d’Italia fatto di tappe, gli autori ci confidano che questa è stata soltanto la prima.

«Il gruppo del Politecnico si appresta a ripartire, sullo stesso tragitto e abbiamo intenzione di prenderla un po’ più alla larga: partire con loro per poi andare a scoprire e raccontare tutte quelle realtà che abbiamo solo sfiorato seguendoli. Ci sono cose molto particolari: uomini e donne che si dedicano a attività molto interessanti, paesaggi poco visti, deliziose cose da mangiare e da bere, personaggi bizzarri. Questa volta, però, basta partenze alla garibaldina: molto eccitanti, ma si rischia anche di rimanere feriti»

Prima di congedarli, chiediamo se c’è una domanda che nessuno, nelle interviste, rivolge mai loro.

Pino, non ha dubbi, la domanda che manca sempre è:

«Avete bisogno di soldi?» 

Dal fianco si leva immediatamente la voce di Paolo:

«Sì»

Vi consigliamo di seguire le imprese di questi tre unici registi attraverso i link legati al progetto (il sito del film, Facebook e Twitter) e di condividere con i vostri amici e conoscenti la loro storia, invitando tutti a vedere il documentario martedì 13 maggio 2014 alle 20:30 presso l’Antico Palazzo Comunale di Saluzzo.

I posti sono tanti, l’ingresso è gratuito e noi ci aspettiamo il pienone!

da salviamoilpaesaggio.it

pic_02-590x590

Metti che un gruppo di ricercatori e docenti del Dipartimento di Architettura e Pianificazione del Politecnico di Milano, guidati da Paolo Pileri, abbia un progetto di sviluppo economico e territoriale e che questo progetto sia una sorta di ciclovia lunga oltre 600 chilometri, a seguire il Po da Torino a Venezia: non è questa una delle vere “Grandi Opere” utili per il nostro Paese?

VENTO è una ciclovia? No, VENTO è sviluppo. Un sano e verde sviluppo.
VENTO ha la forma di una ciclovia, ma non lo è. VENTO è un progetto di sviluppo, una concreta e stabile occasione di occupazione e rilancio economico dei territori attraversati (e non solo loro). Questo è VENTO. Questa è una ciclabile lunga.
Andare in bicicletta non è uno sfizio di qualcuno o un capriccio di categoria, ma è uno dei modi per muoversi, viaggiare, andare a lavorare e a studiare. Le ciclovie non sono accessori di una società agiata o di una cultura che non ci appartiene, ma sono infrastrutture come le altre idonee per tutte le culture.

VENTO non è un progetto locale, ma un progetto del Paese: sono 679 km di ciclabile, ma sono anche 679 km di green economy, di green jobs e potenziale crescita dell’economia. I 40.000 km di ciclabili tedesche producono 8 miliardi di indotto all’anno, stabilmente. Centinaia di migliaia potrebbero essere i nuovi flussi di turisti lungo VENTO, che diverrebbero il motore per tante economie diffuse e per far ripartire la crescita … vere green economy: aziende agricole (14.000 sono quelle attraversate dal progetto), attività ricettive (300 per ora), attività commerciali (2.000) e tanti cittadini (oltre 1,5 milioni).

In parte VENTO già esiste, in parte bastano un paio di accordi politici e tecnici per utilizzare gli argini e in piccola parte deve essere realizzata e messa in sicurezza. Il tutto si potrebbe fare in tre anni.

Occorrono solo poco più di 80 milioni di euro (lo 0.01% della spesa pubblica annuale; il costo di 1-2 km di autostrada), ma soprattutto l’impegno dello Stato, di 4 regioni, di 12 province, degli enti fluviali, di tutti i comuni, coordinati da un soggetto unico. Il giro di affari annuo è stimato in due volte l’investimento iniziale. Per sempre.

Ma VENTO non si ferma qui e potrebbe crescere collegandosi con altre ciclabili (quella del Brennero-Peschiera-Mantova, la Torino-Nizza, Mantova-Ferrara-Adriatico, etc.) e raddoppiando sulla sponda opposta del Po. Sono infinite le potenzialità. Ancora più infinite se si pensa che VENTO è collegato al Treno e alla navigazione fluviale.

VENTO è paesaggio, sviluppo, beni culturali, ambiente, agricoltura, fiume, natura, città, piccoli comuni, cibo, tipicità, sole, vento, salute, lavoro, futuro.

VENTO è anche Eurovelo. VENTO è anche Bicitalia. La realizzazione di VENTO andrebbe a soddisfare una richiesta europea da un lato e ci metterebbe in collegamento con gli altri paesi.

VENTO è un’infrastruttura che si porta dietro innovazione e benefici; vuole dire a tutti noi che un piano infrastrutturale nazionale che si candida a sostenere lo sviluppo del Paese in questa particolare congiuntura, deve farsi portatore di una nuova cultura, di una svolta. Non possono esserci solo i soliti ingredienti nel nostro futuro: autostrade, strade, trafori, ferrovie veloci, piattaforme logistiche. Le grandi ciclovie Europee sono opere per rilanciare lo sviluppo di un paese. Per questo occorre cambiare scala di progettazione e di gestione e stare più in alto.

Non sono forse queste le grandi opere di cui un paese ha bisogno?

Maggiori informazioni le trovate qui, dove potrete anche prenotare il vostro dvd.

da Dailyslow.it
di Francesca Fiore

Una ciclovia naturale sulle sommità del nostro fiume maggiore, che unisce le Alpi con il mar Adriatico: è il viaggio fatto da 5 intrepidi cicloturisti per realizzare il progetto “VENTO. L’Italia in bicicletta lungo il fiume Po”. Seicentotrenta chilometri in bicicletta lungo il Po, per riscoprire territori abbandonati di rara bellezza e dimostrare che è un altro modo di viaggiare è possibile.

still_9
Loro sono Paolo, Diana, Alessandro, Chiara ed Ercole, ma al gruppo iniziale si uniranno tante persone incontrate durante il percorso: il loro viaggio lungo la dorsale cicloturistica, come l’hanno battezzata, punta i riflettori su un patrimonio esistente e sottovalutato. In otto giorni, questi cinque cicloturisti dimostrano che è possibile unire Venezia con Torino, le Alpi con il delta del Po, sull’Adriatico: un percorso che esiste già, ma che andrebbe attrezzato e valorizzato.

A capo della spedizione c’è Paolo Pileri, 46 enne ingegnere del Dastu, presso il Politecnico di Milano, specializzato in pianificazione territoriale, ideatore del viaggio e del progetto: con lui due dei suoi assistenti, una studentessa ed un ex manager che si occupa di marketing. I tre registi Paolo Casalis, Pino Pace e Stefano Scarafia li hanno seguiti lungo un percorso in 15 tappe, che ha toccato 30 città di 4 regioni, in 15 tappe. Ecco il trailer del documentario.

Daily Slow ha intervistato uno dei tre registi di Vento, Paolo Casalis.

Paolo, il vostro documentario, oltre a mostrare una prospettiva sul viaggio completamente diversa da quella canonica, mira a dimostrare che la “dorsale cicloturistica” di 630 chilometri che avete affrontato è fattibile, sia dal punto di vista economico che ambientale. Quali sono le principali difficoltà incontrate dai ciclisti nell’affrontare le 15 tappe del viaggio?

“L’organizzazione del viaggio è stata ad opera del Politecnico di Milano e dei ragazzi che partecipavano. Noi registi li abbiamo seguiti e spesso ci siamo anche persi: Alessandro, il nostro cartografo, ha dovuto tracciare un percorso che si snodava fra stradine sterrate neanche segnate sulle mappe, le difficoltà sono state molte e di vario genere”

Ce le racconti?

“Innanzitutto sono state di tipo fisico e logistico: sbarre che inibiscono il passaggio non solo alle auto ma anche alle bici, ponti che devi attraversare caricando la bici sulle spalle, treni inadeguati ai servizi. Inoltre, la gran parte delle zone che costeggiano il Po sono state abbandonate per i centri urbani: in molti tratti non c’è nessun servizio, nessuna segnaletica, nessun punto di ristoro. Pedalando sugli argini del fiume, che sono delle piste ciclabili naturali, per chilometri non si incontra nessuno: terre che una volta erano vive e piene di relazioni economico-sociali, ora del tutto disabitate”.

Nel documentario si parla appunto di intermodalità: qualcosa di fondamentale per un cicloturista, che affronta viaggi lunghi e che deve portare con sé tutta la sua attrezzatura. Ci spieghi cos’è?

“L’intermodalità è la capacità di potersi servire di diversi mezzi per arrivare alla propria meta: nel video si vedono Paolo e gli altri che devono salire separatamente su due treni diversi, perché nessuno è attrezzato per le bici. Se un ciclista affronta un viaggio di duecento, trecento chilometri ha bisogno di trovare un dato tipo di strutture, altrimenti non lo affronta per nulla e prende l’automobile”.

still_3
Lungo le molte tappe del percorso, il team di Vento ha riscoperto luoghi e città da prospettive diverse, che mettono il viaggiatore a stretto contatto con le attività umane, economiche, culturali dei territori attraversati e determinano un modo di viaggiare “relazionale”. Nel documentario si notano le conversazioni che la squadra intreccia con viaggiatori sulla via Francigena, con altri cicloturisti stranieri nel pavese o con i capitani delle poche barche rimaste. Pedalare è anche un modo per stringere contatti?

“Lo è, eccome. In luoghi del genere poi, dove davvero senti l’abbandono e la bellezza intrecciarsi insieme, lo è in modo particolare. Una volta questi posti erano animati da allevatori, agricoltori e pescatori: c’erano bar, strutture, servizi di ogni tipo. Adesso tutto è fermo, e le poche persone che incontri hanno voglia di parlare: si stringono rapporti fugaci ma intensi, si parla del pedalare, della gestione dell’ Italia. E’ un tipo di contatto diverso da quello che hai negli hotel o nei ristoranti dei centri urbani”.

Parlaci del Po dimenticato.

“Il Po è il leitmovit del viaggio: la squadra lo ha preso a Torino e lo ha lasciato al suo delta, per poi fare la tappa finale verso Venezia. Gli argini sono piste ciclabili naturali, il paesaggio cambia ma lui continua ad unire un’Italia dai mille campanili, oggi più che mai. Comunità divise con progetti frammentari che però vengono tenute insieme dal fiume: una realtà incredibile, da sfruttare subito. La pista c’è già, pensato cosa significherebbe per il turismo locale, riuscire ad attrezzare e rendere percorribile l’intera ciclovia: basterebbe poco”

pic_03
La dorsale cicloturistica costerebbe appunto 80 milioni di euro: il costo di due chilometri di autostrade. Un progetto che significherebbe nuovi posti di lavoro, nuova prosperità per le zone attraversate e sicuramente un’importante azione di tutela dell’ambiente. Il vostro progetto, inoltre, ha compiuto una sorta di mappatura dei luoghi e delle mancanze riscontrate?

“Si i documenti sono a cura del Politecnico: ad ogni tappa si faceva una conferenza, illustrando mancanze e ostacoli, suggerendo idee e cercando anche di stringere intese. Hanno fatto un lavoro immenso: speriamo non vada perduto. L’obiettivo del team, infatti, era duplice: da un lato dimostrare che la pista c’è già che basterebbe poco per renderla agevole; dall’altro l’obietivo era anche quello di muovere qualcosa nelle amministrazioni locali”

Manca l’idea di rete.

“Assolutamente: ognuno fa la sua parte di pista ciclabile, dove va bene, senza trovare connessioni con le opere del Comune limitrofo. Cambiano le amministrazioni, cambiamo progetti e prospettive, non c’è nessuno spirito di condivisione dei problemi e soluzioni. E questo non vuol dire che i nostri incontri non siano stati stimolanti o non abbiano suscitato interesse”

La proposta fatta dal Politecnico per realizzare la dorsale Vento a che punto è?

“Il Politecnico si sta muovendo molto: personalmente so che il progetto è stato inserito fra i trenta da realizzare per l’Expo 2015. Speriamo bene: l’interesse suscitato sembra molto e so che Paolo e gli altri del Politecnico non si arrenderanno facilmente: anziché fare opere costose come la Tav, realizzare Vento significherebbe impiegare pochissime risorse ma in un modo molto fruttuoso, dando la possibilità a questi territorio di tornare a nuova vita”.

Come si può vedere il vostro documentario? Avete appuntamenti all’orizzonte?

“Stiamo organizzando le presentazioni e partecipando a festival: ci siamo auto prodotti e auto distribuiti. Vento, ad ogni modo, si può acquistare in dvd o vedere in streaming ad un costo irrisorio, che serve a ripagarci delle spese della realizzazione del documentario”.

Per vedere il documentario in streaming, o acquistarne il Dvd, clicca qui.

Tutte le tappe toccate dal progetto “Vento, L’Italia in bicicletta lungo il fiume Po”

Condividiamo con voi la recensione del film scritta da Daniela Falchero per Greenews.info

È di questi giorni l’uscita del film Vento, ovvero la storia di un viaggio su due ruote che è anche la dimostrazione pratica di un progetto tutto italiano pensato per la definizione di una pista ciclabile lungo la Pianura Padana, seguendo il corso del fiume Po da Torino a Venezia e viceversa. Da qui l’acronimo VenTo che dà il nome al progetto e il titolo al documentario realizzato da Paolo Casalis, Pino Pace e Stefano Scarafia. I tre registi hanno seguito nel loro viaggio in bicicletta da Milano a Venezia i promotori del progetto, un gruppo di professori del Dastu, presso il Politecnico di Milano.

Paolo Pileri, 46 anni, ingegnere esperto di pianificazione territoriale, è il motore dell’iniziativa nonché l’ideatore di questo road-show di 8 giorni che per 630 Km ha attraversato 30 città di 4 regioni e in 15 tappe ha raccontato e diffuso le intenzioni di Vento. In questa missione lo hanno accompagnato i suoi assistenti, gli architetti Diana Giudici e Alessandro Giacomel, rispettivamente responsabile della comunicazione e responsabile scientifico della spedizione. Hanno fatto parte della squadra anche Chiara Catarozzolo, studentessa pugliese di 23 anni trasferitasi a Milano per gli studi, ed Ercole Giammarco, 50 anni, ex manager ora consulente di marketing, appassionato di cicloturismo e promotore di Cyclopride.

Insieme, i cinque ciclisti hanno accolto la sfida di dimostrare che percorrere tutta l’Italia in orizzontale dalle Alpi all’Adriatico in bicicletta è fattibile. Basterebbe costruire una pista lungo il percorso naturale del fiume Po, realizzando quella che potrebbe essere la ciclabile più lunga d’Italia e una delle più lunghe d’Europa, un progetto che significherebbe nuovi posti di lavoro, al costo di 80 milioni di euro, equivalenti al prezzo di 2 km di autostrada.
L’idea è interessante sotto più punti di vista, da quello economico – Vento per esempio rappresenterebbe un primo passo verso il cicloturismo, settore ancora inesplorato in Italia e dalle notevoli potenzialità – fino a quello sociale e culturale, per la riscoperta del territorio che offre e la generazione di un indotto ad ampio respiro. Il documentario ha voluto raccontare l’entusiasmo e gli imprevisti che gli stessi promotori hanno incontrato durante il viaggio. Perché alla fatica della tabella di marcia si sono aggiunte le condizioni climatiche non sempre favorevoli e le scoperte poco piacevoli del percorso, dai passaggi sbarrati e difficili da superare in bicicletta alle limitazioni imposte sui treni a chi viaggia su due ruote.

Immagine

La pellicola ha il merito di calare questo progetto già nella vita quotidiana, grazie a un montaggio accurato e fedele agli eventi, cui si somma il valore aggiunto dell’alternare alle immagini del viaggio numerose foto d’epoca dei luoghi attraversati dai cinque protagonisti. Un parallelo che mette a confronto due epoche non troppo distanti fra loro temporalmente (si parla di solo 50 anni), ma molto diverse nello stile di vita. Una riflessione garbata e discreta dei registi sulla possibilità che Vento offre di tornare a un rapporto più stretto e conviviale con il fiume e in generale a quel downshifting di cui oggi tanto si parla. Per chi volesse avventurarsi in questo road movie su due ruote il documentario è già disponibile in DVD o via streaming.

Daniela Falchero

da LA REPUBBLICA

Bike sharing, ecco le città leader. L'Italia non c'è

SONO Barcellona, Lione, Città del Messico, Montreal, New York, Parigi e Rio de Janeiro le 7 città che possono vantare il più alto tasso di penetrazione del sistema di ‘bikesharing’, la condivisione di biciclette in area urbana. Lo attesta una ricerca condotta dall’Institute for transportation and development policy (Itdp) di New York che ha incluso 400 città di 5 continenti dove si stanno mettendo in pratica sistemi per implementare la condivisione delle biciclette.

Lo studio è incluso nella prima guida “The bike share planning guide”, edita dall’Itdp, contenente le best-practices adottate nelle città che offrono questo tipo di servizio ai cittadini.
Il servizio risolve in particolare il problema dell’ultimo miglio da percorrere senza auto per chi arriva in città in treno o con gli autobus e deve raggiungere il luogo di lavoro.

E’ un servizio “rapido, ideale per viaggi brevi e di cui c’è enormemente bisogno nelle città”, spiegano gli autori della nuova guida. “Un sistema ideale per migliorare lo stato dell’ambiente e ridurre il numero di miglia percorsi in automobile – spiega Colin Hughes, direttore del National policy and project evaluation dell’Itdp. “Ad esempio i 22.000 membri del car sharing di Washington hanno ridotto il numero di miglia fatti in auto di 4,4 milioni all’anno e molti studi dimostrano che 20 minuti di bicicletta al giorno hanno un impatto significativo sulla salute mentale e fisica”.